Notizie

Bando per il sostegno a progetti sviluppati da aggregazioni di imprese - POR FESR Veneto 2014-2020

Lunedì, 19 Giugno 2017

La Regione Veneto intende incentivare la collaborazione e l’aggregazione tra imprese e soggetti della ricerca al fine di promuovere, mediante forme aggregative, la tutela, la valorizzazione, lo sviluppo e la diffusione della ricerca applicata al sistema produttivo, nonché sostenere il riposizionamento competitivo delle imprese, la capacità di adattamento al mercato e l’attrattività per potenziali investitori.

Il bando concorre, inoltre, a dare attuazione alla Strategia di Specializzazione Intelligente per la Ricerca e l’Innovazione della Regione Veneto (RIS3 Veneto) e recepisce gli indirizzi definiti dal Piano Strategico Regionale per la Ricerca Scientifica e lo Sviluppo Tecnologico e l’Innovazione. 

Di seguito la data entro la quale presentare la domanda e tutti i requisiti necessari:

Scadenza

20 luglio 2017

Localizzazione

Gli interventi di cui al presente bando possono essere realizzati sull’intero territorio regionale. 

Soggetti ammissibili 

Possono presentare domanda di sostegno le forme di aggregazione di imprese costituite nel numero minimo di 3 (tre) imprese, le quali si aggregano al fine di sviluppare un progetto strategico comune che presenta caratteristiche di elevati livelli di specificità o eccellenza.

Le aggregazioni devono essere costituite mediante:

  1. Contratto di rete, come definito dalla legislazione vigente, per il quale dovrà essere preventivamente definito l’organo comune incaricato di gestire, in nome e per conto dei partecipanti, l’esecuzione del progetto oggetto della domanda di sostegno; 
  2. Consorzio con attività esterna, società consortile, società cooperativa;
  3. Associazioni o raggruppamenti di imprese, a carattere temporaneo, appositamente costituite per la realizzazione del progetto oggetto della domanda di sostegno.
  4. Per le sole domande di sostegno riguardanti i progetti riferiti alle “Attività collaborative di R&S”, l’aggregazione deve obbligatoriamente prevedere per l’intera durata del progetto, a pena di non ammissibilità, il coinvolgimento di un organismo di ricerca iscritto nel portale regionale Innoveneto.org.

Interventi ammissibili 

La domanda di sostegno può riguardare una sola tra le seguenti azioni:

  1. “Attività collaborative di R&S” (Azione 1.1.4), riferite allo sviluppo di nuovi prodotti e servizi e allo sviluppo di tecnologie innovative sostenibili, efficienti ed inclusive per introdurre nei sistemi produttivi prodotti e impianti “intelligenti”, dispositivi avanzati, di virtual prototyping e servizi ad alta intensità di conoscenza (KIBS), per le quali è ammissibile un intervento progettuale che comprende attività rientranti nei seguenti ambiti: 
  • “Ricerca industriale”. Ricerca pianificata o indagini critiche miranti ad acquisire nuove conoscenze e capacità, da utilizzare per sviluppare nuovi prodotti, processi o servizi o apportare un notevole miglioramento dei prodotti, processi o servizi esistenti.
  • “Sviluppo sperimentale”. L'acquisizione, la combinazione, la strutturazione e l'utilizzo delle conoscenze e capacità esistenti di natura scientifica, tecnologica, commerciale e di altro tipo allo scopo di sviluppare prodotti, processi o servizi nuovi o migliorati. Rientrano in questa definizione anche altre attività destinate alla definizione concettuale, alla pianificazione e alla documentazione di nuovi prodotti, processi o servizi. Rientrano nello sviluppo sperimentale la costruzione di prototipi, la dimostrazione, la realizzazione di prodotti pilota, test e convalida di prodotti, processi o servizi nuovi o migliorati.
  1. “Riposizionamento competitivo” (Azione 3.3.1) riferito all’incremento degli investimenti nei processi di innovazione finalizzati ad elevare il contenuto tecnologico dei prodotti e dei cicli di produzione, distribuzione e gestione (riposizionamento competitivo), per il quale è ammissibile un intervento progettuale che comprende attività rientranti nel seguente ambito: 
  • “Innovazione di processo”. L'applicazione di un metodo di produzione o di distribuzione nuovo o sensibilmente migliorato (inclusi cambiamenti significativi nelle tecniche, nelle attrezzature o nel software). 

Spese ammissibili 

Sono ammissibili le spese direttamente imputabili al progetto, sostenute e pagate dai soggetti che compongono l’aggregazione. 

Sono ammissibili al sostegno, nel rispetto del principio della congruità della spesa, le seguenti categorie:

  1. Conoscenza e brevetti: costi per le conoscenze (quali, ad esempio, spese per acquisizione di risultati di ricerca) e i brevetti acquistati o ottenuti in licenza da fonti esterne alle normali condizioni di mercato. Rientrano in questa voce anche le licenze di software specificatamente acquisite per la realizzazione del progetto;
  2. Strumenti e attrezzature: costi sostenuti per nuove attrezzature tecnico-specialistiche; tali spese sono ammissibili limitatamente alla quota di ammortamento o al costo della locazione semplice/operativa (noleggio) o alla locazione finanziaria (leasing) per la durata del progetto e in proporzione all’uso effettivo delle attrezzature nell’ambito del progetto;
  3. Consulenze specialistiche e servizi esterni:
  • di carattere tecnico-scientifico
  • di business: per l’impiego di una figura manageriale specialistica, esterna al personale delle imprese dell’aggregazione e a carattere temporaneo (cd. Temporary Manager)
  1. Personale dipendente: spese relative al personale per lo sviluppo delle attività di realizzazione del progetto e in possesso di un’adeguata qualificazione tecnica.
  2. Spese per la realizzazione di un prototipo
  3. Spese generali
  4. Spese per garanzie: fornite da una banca, da una società di assicurazione o da Consorzi di garanzia collettiva dei fidi (Confidi).

Intensità di aiuto

Per il raggiungimento delle finalità di cui al presente bando, le risorse messe a disposizione dalla Regione ammontano a euro 10.500.000,00, di cui:

  • euro 7.000.000,00 per le “Attività collaborative di R&S” (azione 1.1.4)
  • euro 3.500.000,00 per il “Riposizionamento competitivo” (azione 3.3.1)

Per ciascuna azione e per i riferiti ambiti di progetto sono definiti la durata massima del progetto e i massimali di spesa, come indicato nella sottostante tabella:

tab1.png

Il sostegno, nella forma di contributo in conto capitale, è proporzionale alla spesa ammissibile di cui ai predetti massimali. L’intensità del sostegno varia in base all’azione e alla classificazione dimensionale delle imprese componenti l’aggregazione, secondo la tabella di seguito riportata:

tab2.png

 

Per maggiori informazioni o per fissare un appuntamento:
Mattia Sajeva, Responsabile Sportello Bandi
e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - Tel. 0423 24141
Appuntamenti nei giorni: lunedì e mercoledì.